ARTICOLI

IL NASCONDIGLIO DEL DIAVOLO

 

"L'ignoranza è la peggiore delle povertà". (anonimo)

 

Tutti gli episodi, a cadenza grossomodo mensile, si trovano sul blog, sotto la relativa categoria: basta connettersi al blog del sito per leggerli.

Si tratterà di vari argomenti: le principali correnti del Satanismo, da quello teista e razionalista fino alle correnti più strane e meno diffuse, i suoi simboli, la sua storia, i suoi personaggi.

 

CONOSCERE, NON CREDERE.

 

"C'è solo qualcosa di peggio dell'ignoranza: l'illusione della conoscenza". (Stephen Hawking)

 

In questa categoria del blog,in particolare, si affronterà la scuola di pensiero del Satanismo Gnostico.

Una corrente molto particolare, dedicata al pensiero di un personaggio controverso, oscillante tra il mito e l'oblio: Dean Joseph Martin, ad oggi ancora poco noto ai più, che però diede, nei suoi anni di lavoro stroncati anzitempo, un enorme contributo alla risoluzione dell'eterna domanda: fede o conoscenza?

Come e perchè può la scienza spiegare il divino? La sua idea è in grado di unire ambedue le cose, svincolando le persone dal fideismo coatto e dalla superstizione, senza assumere posizioni oltranziste in un senso o nell'altro.

Leggere qualcosa non fa mai male.

"Siamo tutti nati nel fango, ma alcuni di noi guardano alle stelle" (Oscar Wilde).

 

Il TST vuole proporre, in questa pagina, il collegamento al suo blog. Si tratta di un blog ridotto all'osso, che serve solo come contenitore per alcuni filoni di articoli, cui scopo è quello di dare una minima base culturale ai lettori, su cosa sia il Satanismo e sulle sue principali correnti, particolarità e caratteristiche.

 

Perchè questa scelta? Perchè un'organizzazione che propaganda il pensiero pratico e pragmatico, che va contro la superstizione e contro il dogmatismo coatto, sembra contraddirsi in questo modo, parlando di dottrina, demonologia, magia, tradizione, filosofia ed esoterismo?

 

Per un motivo estremamente semplice: perchè dichiararsi Satanisti, e poi non sapere nemmeno il significato dei suoi simboli, non conoscerne le principali figure e divinità, o confonderne le varie tradizioni magiche, E' DA BUFFONI.

Non si può non saper rispondere a chi ci faccia una domanda, una qualunque, relativa al Satanismo nelle sue varie forme, odare una risposta superficiale ed incompleta. Sarebbe come definirsi degli appassionati di pittura, e poi non saper distinguere un Picasso dalla Gioconda. La cultura è uno dei pilastri fondanti della nostra libertà.

 

Queste serie di articoli saranno suddivise in due filoni principali: nel primo, intitolato "Il nascondiglio del Diavolo", si andranno ad analizzare tutte le principali caratteristiche storiche e culturali del Satanismo.

Nel secondo filone, parallelo al primo, denominato "Conoscere, non credere", si affronterà in dettaglio la parte che la dirigenza del TST Italiano sente come la più aderente ai suoi ideali, quella Gnostica fondata da Dean Joseph Martin durante i suoi anni di studio. Una corrente molto particolare ed ancora giovane, che coniuga perfettamente scienza e spiritualità.

 

Se ne troveranno altre: il blog si espanderà, col tempo, così come gli articoli trattati.

Si parlerà di diverse altre cose, come ad esempio libri e film, che ad una prima apparenza sembreranno non avere alcuna attinenza con le tematiche di questo sito: perchè questa scelta?

Molto semplice:per pura cultura.

Ragioniamo un attimo: cos'è la cultura, se non avere più informazioni possibili indiversi ambiti, studiarle e ragionarci su per trarre delle conclusioni? Conclusioni che portano, come il TST ritiene fermamente, ad acquisire proprio quella libertà di pensiero e quella autonomia che, ormai sarà chiaro, sono così scomode per chi, invece, campa e prospera sull'ignoranza altrui. Ignoranza che genera superstizione, che porta al bisogno di un "aiuto" esterno, che in poche parole genera dipendenza da un sistema.

Sistema spesso disonesto e teso a sfruttare le masse di "fedeli" che invece vi ripongono fiducia,

E quindi, qual'è il modo migliore per acquisire la propria libertà personale, se non quello di informarsi, di sviluppare un pensiero autonomo, di liberarsi da preconcetti, luoghi comuni e superstizioni?

 

Un avvertimento:

 

Questo sito, così come il suo blog, non è e non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

Gli autori, inoltre, non si assumono nessun tipo di responsabilità riguardo a siti esterni a cui sia in qualunque modo possibile accedere, ad esempio tramite eventuali collegamenti posti all’interno del sito o del blog.

Lo stesso dicasi per i siti che eventualmente forniscano dei link alle risorse di questo sito.

Il semplice fatto che questo sito e il suo blog forniscano eventuali link non implica nessuna tacita approvazione dei contenuti relativi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. E' anche stata inserita la moderazione dei commenti: i commenti inseriti verranno pubblicati solo previa approvazione degli amministratori.

Le immagini pubblicate sono in prevalenza prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio, inoltre senza alcun fine di lucro. In caso di violazioni di diritti di autore, si prega di comunicarcelo per la relativa rimozione.

Alcuni si chiederanno per quale motivo il sito sia su una piattaforma ed il blog con gli articoli su un'altra. Che domande: per pigrizia, no?

Perchè dover creare una marea di sottopagine se si può risolvere tutto con un buon CMS?